Chia

Domus de Maria - Chia

Visualizzazione ingrandita della mappa

Chia, un miracolo fatto di sabbia, mare, macchia mediterranea e lagune, habitat naturale dei fenicotteri rosa. Ogni giorno vi si realizza un sogno. Case immerse nella natura incontaminata e protetta di un luogo particolarissimo e praticamente unico al mondo. Un sito naturale straordinario. Visitare Chia rappresenta un'occasione unica per una irripetibile vacanza al mare

Località fra le più affascinanti della costa sud occidentale della Sardegna, Chia è una frazione del comune di Domus de Maria, a circa 60 km da Cagliari verso Capo Teulada. Immune alle speculazioni edilizie che hanno preso il sopravvento in numerose zone dell'isola, ancora vi regna una natura incontaminata dal fascino sorprendente: con i suoi 6 km di costa, vanta nel suo territorio un gran numero di spiagge, cale e porti naturali in grado di offrire a chiunque la visiti la possibilità di vivere la propria vacanza come meglio la si desidera.

Quello che si presenta al visitatore è uno scenario unico: le lunghe distese di sabbia bianca e fine lasciano spazio ad affascinanti scogliere e ad una spiaggia di sabbia grossa e piccoli ciotoli. Il paesaggio è vario e suggestivo, con la Torre Spagnola sul promontorio da una parte, le sue coste frastagliate e "S'Isula Manna" (o "Su Cardolinu") dall'altra, un isolotto facilmente raggiungibile a piedi attraverso una lingua di spiaggia che da su 2 versanti.

Al di là del promontorio con la Torre di Chia, sulla destra della spiaggia de Il Porticciolo, è la spiaggia de "Sa Colonia" che all' estremità opposta ai piedi del promontorio del cosidetto Monte Cogoni prende il nome di "Baia Chia". Questa lunga baia di sabbia bianca e fine, fra dune di sabbia e l'omonima laguna con i Fenicotteri Rosa è particolarmente indicata alle famiglie con bambini in quanto la spiaggia è immediatamente raggiungibile dalle aree parcheggio.

Da "Baia Chia" su per il promontorio di "Monte Cogoni", attraverso un sentiero mozzafiato dal quale si ammira tutta la baia, si arriva alla "Cala del Morto", dove nascosti fra dune, ginepri, sabbia bianca e mare cristallino sembra che ci si allontani dal resto del mondo. Al centro di quest'infinita baia, un isolotto situato a pochi metri dalla battigia e raggiungibile a piedi per una lingua d'acqua bassa regna su capo Spartivento: è "Su Giudeu", in italiano "Il Traditore".

Siamo nella spiaggia più lunga di questa zona, dove immediatamente dopo Porto Campana prende il nome de "Il Pontile" o "Campana", nella zona centrale è identificata come "Su Giudeu" dall'omonimo isolotto e nella sua estremità opposta si trova "S'aqua Ucci" (letteralmente "L'acqua dolce"). Secondo le conoscenze locali quest'ultima denominazione indicherebbe l'affascinante laguna, mista d'acque dolci e salate del mare, che fa da sfondo al paesaggio oltre la spiaggia verso le montagne: come la laguna di "Baia Chia" anche questa di capo Spartivento è habitat naturale dei Fenicotteri Rosa, specie protetta che in alcuni periodi dell'anno nidifica in queste zone mostrandosi in tutto il suo splendore.
Al di là del promontorio de "S'Aqua Ucci" si arriva a "Cala Cipolla", spiaggia intima e raccolta, circoscritta alle sue spalle da dune e ginepri secolari, ai suoi lati da rocce granitiche modellate dagli agenti atmosferici nel tempo e davanti a sé da fondali sabbiosi digradanti in grado di riflettere una luce ammaliante grazie alla trasparenza delle acque.

Il percorso campestre prosegue facilmente in salita per arrivare al Faro di Capo Spartivento: faro d'altura costruito nel 1866 tutt'ora funzionante, è al momento una luxury guest house che domina con lo sguardo fino a Capo Teulada, estremo Sud della Sardegna.
Da qui si può proseguire per 2 sentieri: uno che sale fino alla Vedetta di "Guardia Manna", risalente alla seconda guerra mondiale, e l'altro che scende per la scogliera inoltrandosi nella macchia mediterranea fino alla piccola cala di Porto Petrolio, l'antico molo d'attracco dal quale veniva rifornito il Faro.
Ad imporsi con maestosità sono qui i Faraglioni di Chia, i cui fondali sono una meta d'obbligo per gli amanti delle immmersioni subaquee.

Richiedi un Preventivo..

Speciale Sardegna

sardegna

Pellegrinaggi

pellegrinaggi